Attualità

Volontari LIPU ripuliscono le aree di birdwatching di Pergusa.

Durante le attività di inanellamento dell’avifauna a scopo scientifico svoltosi nelle scorse settimane presso la Riserva Naturale Speciale del Lago di Pergusa, sono stati presenti volontari aderenti al progetto CHOONA! (Choose the Nature – Scegli la Natura); si tratta di un progetto dell’Unione Europea che consente la partecipazione a ragazzi di tutta Europa che vogliono agire per difendere la natura, con l’obiettivo anche di rafforzare la coesione e la solidarietà nella società europea. Oltre ai volontari del Choona e ad alcuni studenti di Scienze della Formazione Primaria dell’Università Kore, sono stati presenti anche volontari esteri del progetto AIESEC (Association Internationale des Etudiants en Sciences Economiques et Commerciales, la più grande associazione studentesca al mondo): Ishwari Wadekar, indiana di Bombai, Fabian Andres Perez Hernandez, colombiano di Bogotà e Marta Manevska, macedone di Skopje. I volontari, accompagnati dai responsabili della LIPU di Niscemi Manuel Zafarana, Debora Falzolgher e Fabio Rizzo, hanno voluto contribuire a ripulire le zone circostanti le 2 aree di birdwatching, posizionate sulle rive del Lago, che consentono di poter osservare l’ornitofauna senza causargli disturbo ed allontanarla.

È stata una giornata intensa dato che hanno altresì potuto osservare, oltre a diverse specie come l’Airone cenerino, la Garzetta, il Cavaliere d’Italia, il Piro piro culbianco, il Mignattino piombato e varie anatre tra cui la rara Moretta tabaccata, anche gli uccelli rilevati durante le attività di inanellamento dei volatili svolte da Giovanni Cumbo, della Stazione Siciliana di Inanellamento, e da Rosa Termine, Biologa dell’Università “Kore” di Enna. Diverse le specie inanellate, tra cui Occhiocotto, Cannaiola, Merlo, Usignolo, Capinera, Sterpazzolina; inoltre, di particolare rilievo, perché rari per Pergusa, il Beccafico e il Luì grosso (specie migratrici che hanno scelto Pergusa per rifocillarsi e poi poter continuare il loro viaggio verso l’Africa centrale e meridionale dove trascorreranno l’inverno).

Il Beccafico (Sylvia borin) è un silvide di circa 20 grammi; può coprire distanze dalla primavera all’autunno di ogni anno di almeno 6 mila km tra l’Europa e l’Africa, è una specie relativamente longeva tra i Passeriformi dato che in natura può raggiungere mediamente i 10 anni d’età; in Italia nidifica solo sull’arco alpino e in alcune aree planiziali, specialmente nei boschi golenali di Ticino, Po, Adige e nel Carso Triestino.

Il Luì grosso (Phylloscopus trochilus) è un grazioso silvide ancora più piccolo del Beccafico, con un peso medio di 10 grammi; nidifica esclusivamente nei boschi del Nord ed Est Europa, infatti è una speciespiccatamente migratrice a lungo raggio.

Sono entrambe specie protette a livello internazionale dalle Convenzioni di Berna e Bonn.

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
error: Contenuto Protetto!
Close