CulturaEventi

Una protagonista in cerca di autori. Presentato il libro “Dove tu mi vuoi” scritto a 6 mani

Tra le autrici anche un'ennese

Domenica 24 febbraio, presso il Mondadori Bookstore di Piazza Roma (Catania), si è tenuta la presentazione del volume “Dove tu mi vuoi – 6 piste amorose con trappole incluse”, edito da Algra Editore, una festa del e per il libro, che ha visto numerosissimi e interessati partecipanti applaudire all’opera prima del corso di storytelling “Scripta manent”, tenuto alla Mondadori dalla scrittrice e giornalista catanese Elvira Seminara. Grazie alla caparbietà della responsabile della libreria, Valentina Agosta, e alla dedizione e alla cura della Seminara, ha preso il via una “bottega” di scrittura (sta continuando anche quest’anno con la seconda edizione del corso, nella sua parte teorica), che ha portato gli allievi a dar vita a un’antologia di racconti a sei voci.

Un percorso di sperimentazione, condivisione e compartecipazione ha condotto gli autori a un interscambio di idee, opinioni, suggerimenti, a un flusso di creatività, in un arricchimento reciproco. Di ispirazione è stato l’“opificio di letteratura potenziale” (il cui acronimo francese è OuLiPo, gruppo fondato nel 1960 da R. Queneau e dal matematico François Le Lionnais, e il cui esponente più rappresentativo, in Italia, è stato Italo Calvino). Ma di cosa tratta l’opera, nello specifico? Trait d’union dei sei racconti è la protagonista, Marina, misteriosa figura evanescente, che partecipa ad un corso di storytelling (finzione che, attraverso questo dettaglio, rimanda alla realtà e vi si innesta) e che viene descritta dagli autori da diverse angolazioni e immersa nelle più disparate situazioni, secondo le proprie sensibilità e propensioni stilistiche. Fra indizi, dubbi e contraddizioni, Marina è ambiguità, passione, malattia disturbante e inquietudine, sensibilità e seduzione, è tentazione e ritrosia, è fantasia, desiderio e sogno, è musa, è ispirazione, in un gioco di specchi fra l’una visione immaginifica e l’altra. Differenti e variegate saranno le sfaccettature di questa donna, che si potranno apprezzare attraverso le narrazioni che di lei vengono fatte.

Si ricordino i sei autori: Stefania Avola, Carola Carnazza, Liboria Cammarata, Elisabetta Granieri Galilei, Bonaventura Guidi, Francesca Sanfilippo.

Prossimo appuntamento, la presentazione del libro a Piazza Armerina il 20 marzo, per poi tenerne un’altra, successivamente, ad Enna.

“Letti in sequenza, o a caso, i racconti offriranno ognuno una faccia del prisma, in un’idea di letteratura potenziale ispirata all’Oulipo (a me molto cara) e al suo funambolico esponente italiano, il Calvino dei destini incrociati e viaggiatori di una notte. La rotta che ne è venuta fuori, tra scritture e correzioni condivise, aggiustamenti e collisioni, cancellazioni turbamento e caos, prove di incastro e sovrapposizioni, somiglia molto al nostro esercizio di vivere. O comunque all’avventura infinita di trovare parole per dirci” (Elvira Seminara).

Liboria Cammarata

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche
Close
Back to top button
error: Contenuto Protetto!
Close
Close