Attualità

Cambio di percorso a sorpresa per il cuore di Gesù. Chiusi ieri sera i festeggiamenti

Con la solenne processione si sono conclusi ieri sera i festeggiamenti del Sacro Cuore di Gesù ad Enna. Una settimana intensa di attività religiose e ricreative.

Come ogni anno la confraternita del cuore di Gesù stupisce per le attività che riesce ad organizzare. Il rettore Fabio Garofalo, coadiuvato dal consiglio di amministrazione riesce sempre ad attirare molti fedeli provenienti anche dalle altre parrocchie.

Dal panino alla campagnola più lungo nella storia ennese (ben 30 metri), all’animazione dei bambini con i gonfiabili, allo spettacolo dei camurria fino a concludere con Kaneba. A tutto questo da contorno le tradizionali bancarelle con pane e salsiccia, panelle, patatine e le ormai classiche “pittiddi”.

Quest’anno alle ormai note dote organizzative della confraternita si è aggiunto anche il nuovo parroco Padre Giuseppe Rugolo.

Ieri in mattinata in chiesa il pontificale presieduto da Padre Rugolo con l’animazione della corale della parrocchia di San Cataldo. Mentre nel pomeriggio alle 18.30 si è svolta la processione con alcune novità.

Al ritorno il Cuore di Gesù si è fermato nella chiesa di San Cataldo. I confrati hanno salito la statua fino in chiesa. Dopo un momento di preghiera la processione è ritornata sulla via Vittorio Emanuele.

Altro elemento di novità è stato, anche l’ingresso che non  è avvenuto come gli scorsi anni. Quest’anno per i confrati la sfida e la fatica maggiore è stata salire la statua dalla strada attigua alla chiesa del cuore di Gesù. Una strada tutta in salita con le basole.

Una scommessa ambiziosa che ha creato un effetto scenico di sicuro impatto lasciando i presenti con il fiato sospeso fino a quando la processione non si è conclusa.

Dopo una bella rincorsa i confrati hanno, infatti, attraversato la salita di corsa generando non poche preoccupazioni tra i presenti.

Ma tutto è andato bene. La serata si è conclusa con la comicità di Carlo Kaneba che come al solito ha divertito i presenti con le sue barzellette coinvolgenti.

 

 

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
error: Contenuto Protetto!
Close